Niente soldi per i lavori in chiesa

BELLA- Un gesto per la comunità di grande rile­vanza quello compiuto dal progettista e coordi­natore dei lavori, l'archi­tetto Vito Gabbamonte, che ha deciso di rinuncia­re all'assegnazione delle ultime spese tecniche, re­lative agli interventi di ri­strutturazione della Chie­sa Santa Maria Assunta di Bella. La somma in questione, in base a quan­to comunicatoci dall'uf­ficio tecnico del Comune di Bella, si aggirerebbe orientativamente intorno ai 10mila euro. "E' innan­zitutto - motiva il tecni­co - un gesto di fede. Ma lo faccio anche per lancia­re un segnale alla comu­nità bellese, auspicando che altri giovani possa­no fornire un proprio contributo, che non per forza di cose deve essere di tipo economico. In pratica vuole essere uno stimolo per i miei concit­tadini". Non è da tutti giorni operare per un be­ne comune e decidere au­tonomamente di rinun­ciare ad una remunera­zione. Sul progetto della Chiesa eravamo inter­venuti già l'anno scorso per smentire l'accosta­mento tra l'interruzione dei lavori e le vicende del­l'ex parroco. Tuttavia pa­re che tutto sia ancora fermo (c'è in atto una ga­ra di appalto), anche se all'orizzonte si scorgono segnali positivi. Già tem­po fa aleggiava l'ipotesi di interruzione ma gra­zie ad un'altra offerta, ad­dirittura di 50mila euro per conto di un altro "be­nefattore", il signor Roc­co Abissinia, concittadi­no bellese che ora risie­de in America, il perico­lo era stato scongiurato. Terminati i fondi, lo stes­so architetto con la collaborazione pratica del già primo cittadino Sal­vatore Santorsa era riu­scito ad ottenere un con­tributo sostanzioso dalla Regione, pari a 170mila euro. Nello scorso mese di luglio, al termine di un incontro tra Gabbamon­te, l'attuale sindaco di Bel­la Michele Celentano, il presidente De Filippo, il vescovo Agostino Super­bo e il vicario generale della diocesi di zona Don Vito Telesca, erano state gettate le basi per l'asse­gnazione di tali fondi, av­venuta in data 25 settem­bre con una delibera re­gionale indirizzata al Co­mune di Bella. Tali risor­se serviranno per conclu­dere l'opera. Quindi nel­la fattispecie per i lavori di completamento ester­no della Chiesa, rifinitu­re e pavimentazione del sagrato, in Largo dei Martiri. Attualmente si attende la ripresa dei la­vori, bloccati ormai da un anno e mezzo. Una volta ultimata questa fase, presumibilmente entro fi­ne 2013, Bella si riappro­prierà della sua amata Chiesa, ormai chiusa ai fedeli dal novembre 2009.

Dalla Nuova del Sud del 9 maggio 2013 a cura di Michelangelo Russo 

Allegati:
Scarica questo file (Nuova_0905-2013_pag_26.pdf)Nuova_0905-2013_pag_26.pdf647 kB
Browse top selling WordPress Themes & Templates on ThemeForest. This list updates every week with the top selling and best WordPress Themes www.bigtheme.net/wordpress/themeforest